Decima vittoria di fila, il Venezia entra nella storia della Risiatori

Un grandissimo Venezia s’impone per la decima volta consecutiva e conquista la quarantesima Coppa Risiatori Tito Neri. Il Cavallino Rossi si dimostra il più forte di tutti portando in cantina la diciannovesima Champion’s League del Mare e andando vicinissimo al record di tutti i tempi (che appartiene al Salviano del 1997). Numeri importanti, per un armo che ha fatto la storia e che continua a stupire. Rispetto alle passate edizioni, però, la bagarre in mare è stata molto più accesa perché i padroni di casa del Borgo hanno dato del filo da torcere ai veneziani dalla prima all’ultima palata. Rossobianchi e bianconeri sono stati prarticamente uno accanto all’altro dalla Meloria fino al MoloNovo, quando l’Andrea Sgarallino ha ingranato il turbo e ha staccato i rivali di sempre di una barca, entrando per prima dentro il porto. Da lì in poi la distanza tra i due è rimasta invariata, con il Venezia che ha tagliato per primo il traguardo in Darsena Nuova tra gli applausi del pubblico e poi il Borgo che è arrivato pochi secondi più tardi. Per buona parte di gara, comunque, a contendersi le primissime posizioni c’è stato anche il Pontino, che è partito alla grande e ha retto i colpi del Cavallino Rosso e del Costante Neri fino ai 4mila metri. Poi i giallorossi si sono arresi ai più forti, mantenendo comunque salda la terza posizione senza mai rischiare. Quarto, infatti, è arrivato l’Ovosodo che però non ha mai dato l’impressione di poter puntare al podio, almeno nella parte centrale della regata. I biancogialli, piuttosto, si sono dovuti difendere dagli attacchi del San Jacopo che fino a metà percorso sono stati attaccati al Benci. I biancoverdi, però, hanno chiuso quinti, tenendosi alle spalle un ottimo Ardenza che è rimasto in gara per una ventina di minuti. Staccati da tutti il Salviano e il Labrone, che ha chiuso all’ultimo posto. Bellissimi gli applausi reciproci che i vogatori si sono scambiati all’arrivo. Specialmente quelli dei borghigiani ai vincitori del Venezia. Il Borgo, comunque, si è rifatto portando a casa la “Supercoppa Risiatori”, il trofeo che si vince sommando i risultati dell’armo a 10 remi, di quello femminile e di quello degli Under 18.
Ecco i tempi di arrivo:
1. Venezia 34’36″4
2. Borgo Cappuccini 34’42″6
3. Pontino San Marco 35’05″2
4. Ovosodo 36’07″00
5. San Jacopo 36’23″7
6. Ardenza 36’47″2
7. Salviano 38’18″7
8. Labrone 38’48″9

La Terrazza Mascagni

Goditi il Palio dalla Terrazza Mascagni

Un’enorme scacchiera sul mare.
Uno scenario suggestivo, che regala un panorama mozzafiato sul profilo delle isole dell’arcipelago toscano e della Corsica.
Simbolo del rapporto schietto e vitale che da sempre lega la città di Livorno al mare.

Scopri di più

La Darsena Nuova

La Giostra dell’Antenna nel cuore di Borgo Cappuccini

La Darsena Nuova, o Darsena del Cantiere, racchiude lo specchio d’acqua di fronte agli Scali Novi Lena, nello storico quartiere di Borgo Cappuccini. Insieme al Porto Mediceo, alla Darsena Vecchia, al bacino Cappellini e al bacino Firenze, compone il complesso del Porto Vecchio di Livorno.

Scopri di più

I Fossi Medicei

Scopri Livorno sul percorso della Coppa Barontini

Il tragitto  della Coppa Barontini percorre tutti i luoghi più suggestivi degli storici quartieri Venezia, Pontino, Ovosodo e del pentagono del Buontalenti, in una gara che non è solo spettacolo sportivo ma anche un omaggio alle bellezze e alle unicità della città di Livorno.

Scopri di più

La Torre della Meloria

Lo scenario avventuroso della Coppa Risiatori

Le Torre della Meloria, punto di partenza della Coppa Risiatori, affiora dalle omonime secche in una zona di bassifondi a circa 3 miglia dal porto di Livorno. Luogo di numerosi naufragi fin dall’epoca romana, era spesso la meta degli gli antichi  “arrisicatori” livornesi che sfidavano le onde…

Scopri di più