Gianni "Stampa" Picchi

Per gli amici “Stampa”

Folla per l’ultimo saluto al nostro “Gianni “Stampa”. Le sue ceneri nel mare di Antignano. Mauro Martelli, grande amico di Gianni, campione di remoergometro e volto di Sportlandia e tutti gli atleti del Labrone (dalle ragazze, all’equipaggio a dieci remi) vogheranno con il lutto al braccio in occasione della Coppa Barontini. Poche parole, volti rigati dal sale e un salmo per accompagnarlo al suo ultimo articolo, alla sua ultima vogata, al suo ultimo palcoscenico, davanti a tanta gente, tanti amici che a stento trattengono le lacrime mentre sfila via accompagnato dai cipressi.

Ci sono gli amici di una vita con un po’ di neve tra i capelli, ci sono i giovani colleghi di penna che Gianni “Stampa” ha tenuto a battesimo insegnandoli quello che c’era in un mestiere fatto, spesso e volentieri, di volpi e squali. E lui, il nonno buono dello sport e del giornalismo livornese, il gufo saggio, era sempre lì pronto per un consiglio, per una strategia vincente. Lui che ne aveva viste tante, lui che ne aveva assaggiate d’ogni. Così in un assolato venerdì di giugno don Placido ha celebrato il suo addio all’interno della cappella della camera mortuaria. Gianni Picchi se n’è andato con indosso la tutta amaranto del Livorno Calcio, quella squadra che ha sempre amato con passione fino all’ultimo, nella buona e nella cattiva sorte.

A dirgli “ciao” anche i dirigenti della Pro Livorno Sorgenti di cui Gianni era dirigente e addetto stampa, gli amici della Promosport Livorno con cui “Stampa” collaborava da tempo per presentazioni e interviste. E poi il mondo del remo. E una distesa di sguardi, giornalisti, allenatori, attori e commedianti. A intonare “Il Signore è il mio pastore” è proprio il regista di Vernacolo Pancaccini con cui Gianni si è divertito spesso a recitare. Ma anche l’amico regista Antonio Cristiano insieme al quale aveva recitato nel film “Un uomo chiamato March”.

Tutto è pronto. La macchina è in moto. In ognuno di noi c’è un pezzo di te. Adesso l’ultimo tuffo nel mare di Antignano, dove verranno sparse le tue ceneri. Un tuffo per sempre. Per sempre Gianni. Il “nostro” Giovanni Picchi, per tutti Gianni, ribattezzato anche “GianniStampa” se n’è andato. Il giornalista di Quilivorno.it si è spento all’età di 74 anni a seguito di un’operazione chirurgica affrontata mercoledì 17 giugno nella mattina per un tumore alla prostata. Durante l’intervento però l’arresto cardiaco, le sue condizioni si sono poi aggravate durante il resto della giornata fino a questa mattina, giovedì 18 giugno, quando Gianni si è dovuto arrendere. Picchi è morto intorno alle 11 nel suo letto di ospedale.

Gianni “Stampa” era un volto conosciutissimo a Livorno per i suoi molteplici interessi e le sue tante passioni. Nella vita professionale infermiere (ormai in pensione da qualche anno), fuori dall’ospedale allenatore di calcio, presentatore, attore vernacolare e logicamente giornalista. Gianni Picchi fu creatore del giornale sportivo degli anni ’80 “Az”, conduttore di trasmissioni per televisioni locali e giornalista sportivo per il Corriere di Livorno e attualmente per Quilivorno.it dove seguiva con estremo amore il mondo delle gare remiere. In autunno sarebbe dovuta uscire la sua autobiografia che stava preparando da qualche mese a questa parte con la dedizione di sempre. Di Gianni ci mancherà la sua parola buona sempre, il suo sorriso, la sua voglia di essere sempre in prima linea, la passione per questo lavoro.

Tratto da Quilivorno.it di giovedì 18 giugno 2005

La Terrazza Mascagni

Goditi il Palio dalla Terrazza Mascagni

Un’enorme scacchiera sul mare.
Uno scenario suggestivo, che regala un panorama mozzafiato sul profilo delle isole dell’arcipelago toscano e della Corsica.
Simbolo del rapporto schietto e vitale che da sempre lega la città di Livorno al mare.

Scopri di più

La Darsena Nuova

La Giostra dell’Antenna nel cuore di Borgo Cappuccini

La Darsena Nuova, o Darsena del Cantiere, racchiude lo specchio d’acqua di fronte agli Scali Novi Lena, nello storico quartiere di Borgo Cappuccini. Insieme al Porto Mediceo, alla Darsena Vecchia, al bacino Cappellini e al bacino Firenze, compone il complesso del Porto Vecchio di Livorno.

Scopri di più

I Fossi Medicei

Scopri Livorno sul percorso della Coppa Barontini

Il tragitto  della Coppa Barontini percorre tutti i luoghi più suggestivi degli storici quartieri Venezia, Pontino, Ovosodo e del pentagono del Buontalenti, in una gara che non è solo spettacolo sportivo ma anche un omaggio alle bellezze e alle unicità della città di Livorno.

Scopri di più

La Torre della Meloria

Lo scenario avventuroso della Coppa Risiatori

Le Torre della Meloria, punto di partenza della Coppa Risiatori, affiora dalle omonime secche in una zona di bassifondi a circa 3 miglia dal porto di Livorno. Luogo di numerosi naufragi fin dall’epoca romana, era spesso la meta degli gli antichi  “arrisicatori” livornesi che sfidavano le onde…

Scopri di più