Franco Sargentini

Quando l’Accademia allestiva il campo di regata del Palio

Questa mia breve intervista a Franco Sargentini, è tratta da “Livorno non Stop” del 21 giugno 199: “Quando si parla di Palio, le prime cose che ci vengono in mente sono naturalmente: le gare, i gozzi, le vittorie ecc. Ma se guardiamo oltre, ci accorgiamo che ci sono centinaia di persone che lavorano dietro le quinte in silenzio, mai viste e conosciute ma senza le quali non si sarebbe certamente fatto niente. Una di queste persone, che il Palio lo ha vissuto per molti anni, dall’altra parte della barricata, è Franco Sargentini, incaricato negli anni ’60 ’70, dall’Accademia Navale, ad allestire il campo di regata del Palio Marinaro.

Nato a Quiesa (LU) nel 1925, ha vissuto quasi tutta la sua vita in mare. Arruolatosi a soli 16 anni nella Marina Militare, Franco si sta godendo la sua pensione nella nostra città, dove abita da moltissimi anni. Maresciallo Maggiore e 1° Nostromo dell’Accademia Navale di Livorno, il Sargentini ha navigato in lungo e in largo con la nave scuola Amerigo Vespucci nella quale era il Nostromo dell’albero Maestro. Sempre come Nostromo, all’albero di Mezzana, ha navigato con la nave scuola Palinuro e, negli anni ’60, su diverse navi da guerra, ha partecipato ad alcune missioni negli Stati Uniti.

«Ho sempre vissuto con il mare – racconta l’ex Nostromo – addirittura ho rischiato la vita quando fui affondato il 19 ottobre del 1942, con il cacciatorpediniere Giovanni Da Verazzano nelle acque tra Malta e Tripoli. Avevo solo 17 anni e devo dire che mi andò bene perché su oltre 350 uomini di equipaggio, fui tra le sessanta persone che si salvarono. Nella mia carriera ho fatto molte cose tra qui l’allestimento del campo di regata del Palio Marinaro assieme ad alcuni marinai che eseguivano i miei ordini e a due grandi amici incaricati anch’essi, penso dal Comitato del Palio: Alberto Lavoratori, tifoso del Borgo Cappuccini e Canzio Vivaldi detto Pecchio che fu campione del Venezia».

« Il giorno prima del Palio -continua il Sargentini- dovevamo provvedere, oltre alla giusta lunghezza del percorso, all’istallazione delle boe di partenza e di virata, lavoro, questo, che si rendeva difficoltoso specialmente se il mare era agitato». Sargentini – gli domando – i momenti più belli di quelle giornate ? «Le mangiate e le bevute insieme a Pecchio e Lavoratori dopo le gare». Da ricordare che il Comitato Palio Marinaro donò, in segno di gratitudine, una medaglia d’oro per ogni anno del suo operato e che franco mi mostra con orgoglio”. Franco Sargentini si spense a Livorno sul finire degli anni ’90.

Articolo di Carlo Braccini

La Terrazza Mascagni

Goditi il Palio dalla Terrazza Mascagni

Un’enorme scacchiera sul mare.
Uno scenario suggestivo, che regala un panorama mozzafiato sul profilo delle isole dell’arcipelago toscano e della Corsica.
Simbolo del rapporto schietto e vitale che da sempre lega la città di Livorno al mare.

Scopri di più

La Darsena Nuova

La Giostra dell’Antenna nel cuore di Borgo Cappuccini

La Darsena Nuova, o Darsena del Cantiere, racchiude lo specchio d’acqua di fronte agli Scali Novi Lena, nello storico quartiere di Borgo Cappuccini. Insieme al Porto Mediceo, alla Darsena Vecchia, al bacino Cappellini e al bacino Firenze, compone il complesso del Porto Vecchio di Livorno.

Scopri di più

I Fossi Medicei

Scopri Livorno sul percorso della Coppa Barontini

Il tragitto  della Coppa Barontini percorre tutti i luoghi più suggestivi degli storici quartieri Venezia, Pontino, Ovosodo e del pentagono del Buontalenti, in una gara che non è solo spettacolo sportivo ma anche un omaggio alle bellezze e alle unicità della città di Livorno.

Scopri di più

La Torre della Meloria

Lo scenario avventuroso della Coppa Risiatori

Le Torre della Meloria, punto di partenza della Coppa Risiatori, affiora dalle omonime secche in una zona di bassifondi a circa 3 miglia dal porto di Livorno. Luogo di numerosi naufragi fin dall’epoca romana, era spesso la meta degli gli antichi  “arrisicatori” livornesi che sfidavano le onde…

Scopri di più